Translate

sabato 20 settembre 2014

LA TRECCIA DI RAPUNZEL , CON PAPATE E PEPERONI

Ultimamente quando cucino il mio piccolo monellino ronza come un'apina in cucina , e un pò come l'Ape Maia è pieno di curiosità e di perchè .
Non è semplice impasticciare in cucina, soprattutto se utilizzo farine con il glutine , perchè si sa, la farina vuoi o non vuoi vola un pò dappertutto , ma abbiamo trovato insieme un piccolo compromesso. 
Mentre io magari impasto, lui se ne sta buono buono a giocare seduto in angolo ed insieme inventiamo storie , mi fa un promemoria degli ingredienti utilizzati , e un elenco di domande a cui dare una risposta... anche perchè a ripensarci bene , ma l'età dei perchè non dovrebbe essere già passata da un bel pezzo?
Comunque qualche domenica fa, stavo rovistando tra i miei quaderni di cucina in cerca di una ricetta a cui abbinare i semi di papavero di Orodorienthe e a dire il vero non c'era nulla che mi allettava. Lui cheto cheto mi si è avvicinato e mi ha detto :- Mamma, perchè non usi la fantasia, ed inventi qualcosa tu? non mi dici sempre che con la fantasia possiamo fare tutto quello che vogliamo ?
In realtà la mamma lo sprona ad usare la fantasia nel gioco, poichè è contraria a quelli elettronici... insomma il piccoletto aveva ragione . Scopiazza un pò di qua e un pò di là ,  abbiamo aggiunto magari due o tre ingredienti che si aveva in frigo e voilà, è proprio il caso di dirlo il gioco è fatto.
Lui tutto carino, è rimasto soddisfatto di aver dato il suo aiuto tanto che poi quando è sorto il problema su quale forma dare al nostro elaborato, lui ha proposto e con molto entusiasmo la treccia di quel cartone animato che vedeva con la cuginetta. Per lui che è un maschietto lo ha definito una noia, quella bambola che aveva i capelli lunghissimi a treccia ... in poche parole la treccia di Rapunzel .
Effettivamente anche la nostra treccia è venuta enorme, e lui si è divertito da pazzi a cospargerla con i semini di sesamo , e una volta  presentata in tavola ne ha illustrato tutto il procedimento.
Che altro dire , se non augurarvi buone mani in pasto !!!!



- Difficoltà : media
- Tempo : 3 ore circa
- Costo: € 3 circa

- Ingredienti :
- Per la pasta :
550 g di farina
250 g di latte
1 cubetto di lievito di birra
1 uovo intero
1/2 bicchiere di olio
1 cucchiaino abbondante di sale
1 cucchiaino raso di zucchero 

- Per la farcia
4 patate di media grandezza
1 spicchio di aglio
1/2 cipolla bianca
1 spolverata di origano
15 g di olio extravergine di oliva
2 peperoni rossi grigliati e spellati
sale qb

- Per la copertura
1 tazzina di latte



- Preparazione:

-Per la pasta 
In un pentolino riscaldate leggermente il latte (ricordate che la temperatura ideale è tra i 35° e i 37° massimo) . Allontanatelo dal fuoco e scioglietevi il lievito con lo zucchero.
In un mixer versate tutti gli ingredienti e , compreso il latte ed impastate fino a quando l'impasto non risulterà bello liscio ed elastico.
Versatelo in una ciotola, copritelo con un canovaccio e lasciatelo lievitare per circa 90 minuti.

-Per il ripieno 
Nel frattempo sbucciate le patate e tagliatele a tocchetti in un'altra ciotola , aggiustatele di sale, tagliatevi finemente la cipolla,lo spicchio di aglio e spolveratele con l'origano. Aggiungete l'olio extravergine di oliva e lasciatele insaporire per una decina di minuti.
Adesso lasciate riscaldare una pentola antiaderente, coperta. Appena si sarà ben riscaldata , versatevi all'interno tutto di botto le patate , ricoprite con il coperchio e fate cuocere con la fiamma media. 
Rigirate solo un due tre volte e solo a fine cottura versate i peperoni , che magari anche il giorno prima avrete grigliato, spellato, tolto i semini e sfillettato in modo grossolano.
In media le patate , non impiegano più di 20 / 30 minuti per cuocere , dipende molto dalla qualità che scegliete.
Lasciate raffreddare il ripieno.

- Assemblaggio
Trascorso i 90 minuti, su una spianatoia, dividete l'impasto in 3 parti uguali. Formate tre filoni di identica lunghezza che con un mattarello andrete leggermente a stendere.Per la lunghezza intera farcite con il ripieno e richiudete. Su una teglia foderata di cartaforno intrecciate.
Spennellate la treccia con il latte e cospargetela con i semi di sesamo.
Lasciate lievitare per altri 30 minuti ed infornate a 170° se il forno è ventilato, 190° se statico per 30 minuti.

- Occorrente:
Mixer , mattarello, pentola antiaderente , teglia , cartaforno 





13 commenti:

  1. La sa lunga eh il tuo bambino! A volte con i consigli semplici si riescono a fare grandi cose, hai preparato una treccia fantastica posso solo immaginare quanto buona sia! Ne volevo fare una così però dolce secondo te modificando qualche ingrediente posso riuscirci?

    RispondiElimina
  2. E' la prima volta che vedo una treccia di rapunzel con patate e già penso che sia buonissima, voglio provarla anche io

    RispondiElimina
  3. molto buona questa ricetta... e ottimo il risultato... brava complimenti...

    RispondiElimina
  4. Una ricetta gustosa e invitante, splendidamente presentata! Deliioso anche il nome! Questa treccia di Rapunzel è da replicare di certo!

    RispondiElimina
  5. Bellissima! Posso chiederti se hai mai provato con il lievito madre? Per sapere quanto ne dovrei mettere al posto del lievito di birra! Ciao da Franca di http://cannellaegelsomino.blogspot.it/

    RispondiElimina
  6. WOw.. Bella proprio questa treccia. Molto gustosa e saporita dall'aspetto.. Devo provarla anch'io!!!

    RispondiElimina
  7. che bontà questa treccia...e poi se la presento a mia figlia con il nome di Rapunzel sarà contentissima! grazie dell'idea!

    RispondiElimina
  8. Spesso le ricette inventate sono le più riuscite, ha avuto ragione il tuo piccolo, la treccia è bellissima :-)

    RispondiElimina
  9. Questa treccia ha un aspetto invitante è perfetta! Nè posso solo immaginare il gusto ed il sapore.

    RispondiElimina
  10. Una treccia molto carina e sicuramente squisita... Brava! :) Che fame mi è venuta!!

    RispondiElimina
  11. Ottima ottima ricetta!*_______*

    RispondiElimina
  12. Che fantastica ricetta , deve essere favolosa. Sicuramente una ricetta elaborata e complessa e il risultato rivela tutta la tua abilità.

    RispondiElimina